batteria del cellulare
batteria del cellulare

Le batterie di qualsiasi dispositivo elettronico, sia esso un cellulare ma anche un tablet o un computer, dopo alcuni anni di ricarica, iniziano a dare segni di cedimento.

Esse rallentano i tempi di caricamento, riducono il tempo di mantenimento della carica stessa ed è sempre più scontato arrivare a fine giornata con la necessità di attaccare di nuovo il nostro cellulare alla carica elettrica, per ricaricarne la batteria.

Gli studiosi definiscono questa parabola come obsolescenza programmata. Probabilmente la causa di tale andamento è dovuta al litio, ovvero al materiale con cui sono costruite le batterie.

Il litio è un materiale molto leggero ma che si surriscalda facilmente, dopo alcuni anni di cicli di ricarica. In generale, il riscaldamento provoca una riduzione del numero dei cicli ai quali la batteria può essere sottoposta.

Esistono però delle modalità che permettono di allungare la vita alle batterie dei cellulari. Non occorre essere esperti informatici, bensì attuare dei semplici accorgimenti, utili alla salvaguardia del dispositivo elettronico e necessari per far sì che la batteria arrivi a durare circa quattro o cinque anni.

Una batteria di un cellulare ha in media la possibilità di effettuare 500 cicli di ricarica, una volta superato questo numero, la batteria dà ovvi segnali di cedimento.

Attenzione alla temperatura

La temperatura della batteria, quando è in fase di ricarica, è un indicatore molto importante per capirne il suo stato.

Man mano che ci si avvicina al numero dei cicli presupposti come vitali per il dispositivo, la temperatura della batteria tende a salire. Il surriscaldamento non aiuta a prolungare la vita della batteria stessa. Quello che si può fare, nel caso di un cellulare, è cercare quanto meno di salvaguardarlo dalle alte temperature esterne.

Per una ricarica perfetta, la temperatura nella stanza dovrebbe aggirarsi attorno ai 20°. Comunque sia essa non deve mai scendere sotto i 5° e non dovrebbe mai superare i 45°. In generale poi, il cellulare non deve essere lasciato sotto il sole o all’aperto qualora si abbiano temperature troppo rigide.

 

Quando ricaricare la batteria del cellulare

Alcuni anni fa si indicava come fondamentale lo stato della batteria del cellulare totalmente scarico, prima di effettuare la ricarica. Con gli ultimi smartphone al litio ormai, questa esigenza non c’è più.

Il circuito interno è in grado di gestire gli ultimi istanti della batteria stessa, quindi essa può essere ricaricata anche se non è del tutto arrivata a zero. Inoltre si consiglia di non ricaricare sempre al 100% ma di mantenere la carica costante attorno al 70% circa.

Per quanto riguarda la carica notturna, bisognerebbe prestare attenzione al fatto che, lasciando il cellulare in carica tutta la notte, esso potrebbe surriscaldarsi e questo determina un ulteriore peggioramento nel tempo della batteria stessa.

Sarebbe dunque preferibile fare delle piccole ricariche giornaliere, anche in questo caso però senza esagerare, per evitare allo stesso motivo il surriscaldamento del dispositivo. Di contro è anche da considerare il fatto che, una batteria che non viene utilizzato per un periodo prolungato di tempo, perde la sua funzionalità ottimale.

Essa diventerà più lenta e meno resistente, magari più soggetta al surriscaldamento, quindi sarebbe opportuno non lasciarla mai in lunghe periodi di inattività o inutilizzo.

Quale caricabatteria utilizzare

Questo è un punto molto importante e molto dibattuto. Al momento dell’acquisto, nella confezione si riceve anche il caricabatteria originale del cellulare. E’ comodo però al giorno d’oggi, avere a disposizione anche i caricabatteria universali, soprattutto quando si è in viaggio e ci si dimentica di quello originale. Quanto di più sbagliato per la salute della nostra batteria. I carica cellulare universali potrebbero danneggiarla inesorabilmente in quanto essi potrebbero erogare una quantità di energia non idonea alla nostra batteria.

 

Eliminare le app che consumano energia

Bisogna inoltre prestare attenzione a tutte quelle applicazioni che consumano energia anche in background. Vi sono infatti molte app che continuamente effettuano aggiornamenti, sincronizzano i dati, effettuano collegamenti online, anche quando il cellulare è spento. In questo modo esse succhiano molta energia alla batteria. Se non prettamente necessarie, tali applicazioni andrebbero eliminate.

Limitare la rete dati

Per coloro che amano comunque mettere mano al proprio cellulare, si consiglia di andare a gestire anche quali applicazioni possono accedere indiscriminatamente alle reti dati. O meglio, sarebbe opportuno fare una cernita tra tutte quelle applicazioni che possono connettersi ad Internet e quelle che possono farlo solo in corrispondenza di una rete Wi Fi.

 

Abbassare la luminosità dello schermo ed altri accorgimenti

Si tratta di una operazione molto semplice ma altrettanto efficace. La luminosità di uno schermo determina un certo consumo della batteria, quindi andare nelle impostazioni, su Schermo e scegliere il tipo di illuminazione potrebbe essere un passo utile a prolungare la carica della batteria stessa.

Spesso non è necessario che lo schermo resti illuminato a lungo con intensità alta, quindi si può ridurre tale caratteristica, a meno che non si abbiano dei deficit di vista. Un’altra importante funzione da eliminare se non strettamente necessaria è la vibrazione, la quale necessita di batteria per funzionare ogni volta.

Il Bluetooth è un’altra funzionalità che succhia molta batteria e che quindi, visto che non se ne fa un utilizzo costante, andrebbe disattivato e riattivato solo quando necessario.

 

Sostituzione della batteria

Nel caso in cui, una volta attuati per un certo tempo tutti gli accorgimenti suggeriti sopra, essi non avessero sortito alcun effetto. O comunque nel caso in cui la batteria fosse davvero ormai troppo usurata, non bisogna pensare necessariamente di acquistare un altro cellulare ma si può tranquillamente optare per l’acquisto e la sostituzione della batteria vecchia con una nuova.

Al giorno d’oggi ormai le batterie hanno adeguato i loro prezzi per dare la possibilità di ricambi più agevoli per tutti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here