sturare il lavandino senza uso di acidi
sturare il lavandino senza uso di acidi

Capita, talvolta, che i lavandini di casa si intasino, bisognerà sturare il lavandino. L’accumulo dello sporco, o il passaggio nella tubatura di elementi di dimensioni eccessiva, possono causare la creazione di un ingorgo di dimensioni sufficienti per intasare un lavandino o per far sì che l’acqua fluisca molto più lentamente nello scarico.

Cosa fare in questi casi? Molte persone decidono di sturare il lavandino direttamente con prodotti chimici industriali, che contengono sostanze in grado di attaccare e sciogliere le incrostazioni, anche le più resistenti.

Ma siamo sicuri che si tratti davvero del metodo migliore? Secondo gli esperti di spurghi Milano, ditta con esperienza trentennale nell’ambito della pulizia delle fosse biologiche e delle tubature domestiche, no.

L’utilizzo degli acidi e dei prodotti chimici più aggressivi per sturare il lavandino non sarebbe affatto utile e contengono delle sostanze corrosive che sono molto pericolose per la pelle, se vengono respirate, e che possono anche danneggiare l’ambiente.

Se è possibile quindi sarebbe meglio evitare di usare degli acidi per la pulizia del lavandino ostruito: ci sono altri metodi interessanti che possono funzionare.

Come sturare il lavandino senza acidi

Si può sturare il lavandino anche senza usare dei prodotti acidi, aggressivi e pericolosi per l’ambiente e la salute. Ecco come:

  • usando la ventosa di gomma. Il vecchio classico della ventosa di gomma è utile se si tappa anche lo sfogo del lavandino con uno straccio e in questo modo in genere si riesce a liberare il lavandino dalla presenza di rifiuti o di piccole incrostazioni; in alternativa è possibile usare anche la pistola ad aria compressa. Un altro prodotto molto utile per sturare il lavandino in poco tempo. L’aria compressa sblocca lo scarico senza rovinare i tubi. Bisogna sempre controllare, alla fine, di non aver allentato il tubo di scarico e nel caso procedere per incastrarlo di nuovo nella posizione originaria.
  • Scovolo a molla. Si tratta di una spirale di metallo con una manovella dall’altra parte che permette di estrarre ciò che ostruisce il lavandino. Per usarlo, si deve smontare il sifone: è utile per piccoli ingorghi di capelli o cibo, senza usare acidi.

Prevenire, inoltre, è meglio che curare: non bisogna mai gettare nello scarico foglie, avanzi di cibo, fondi caffè e via dicendo. Se possibile si può apporre una griglietta sullo scarico per trattenere tutti i piccoli residui, da svuotare di volta in volta nel cestino dello sporco.

Fonte: http:www.spurghi-milano.org

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here